Carl Maria von Weber an Francesco Morlacchi in Venedig
Dresden, Donnerstag, 22. Januar 1824

Absolute Chronologie

Vorausgehend

Folgend

Korrespondenzstelle

Vorausgehend

Folgend

All’ornatissimo Signore

Il Signor Cavaliere Morlacchi

Maestro della Capella Reale, di sua

Maestà il Ré di Sassonia.

Venezia

Caro Maestro e Collega carissimo.

Ho veramente d’implorare la sua bonta ed amicizia ch’io non ho scritto già da longo tempo, per ringraziarlo di tutte l’interesse che ha dimonstrato per me, come vero amico. mi creda veramente riconoscente, e felice nella sua amicizia.      Parlo subito della cosa più importante la vostra dilazione. era ben naturale, e il dovere mio, di dire al Sigr: Direttore che farò con grandissimo piacer[e] il Servizio per lei. mà siccome il povero Schubert non potrà fare alcun servizio tutto l’inverno, il Direttore diceva che non si poteva contentare della mia buona volontà, perchè, quando io cadessi ammalato tutto il Servizio ne soffrirebbe troppo. Per disgrazia pochi giorni prima della vostra dimanda. Gaensbacher aveva scritto, che avendo la speranza d’ottener un buon posto a Vienna, non poteva decidersi prima d’un mese, se accetterà la nostra porposizione. Subito certe Idee dei Rastrelli ritornavano. mà, per fortuna, hieri ho ricevuto una lettera di Gänsbacher ove mi scrive che Weigl aveva ottenuto quel Posto, è che lui verrà subito qui. Adesso, essendo più niente da temere per il Servizio, non ce dubio che lei avrà la sua dilazione; e me ne godo di cuore. vedete il vostro figlio, scrivete una opera, e ritornate contento, trionfante e con denari. non temo per la sua Ilda. e gia buono, che la prima opera dio non piaceva.

Sono molto contento di Rolla. è una bravissima persona. ha dato un concerto, nella quale ha suonato veramente da gran Maestro, e ha fato gran Sensazione. Cosa neccessarissima per il publico. |

al mio carissimo amico Meyerbeer dite mille belle cose. l’aria della Margharita non è arrivata ancora. mà io l’aspetto ogni giorno da Monaco. Studiamo adesso una Didone abbandonata dun certo Reissiger, che anderà in Scena, Sabbato li 31. poi verrà subito la Margharita.

ho diretto gia tre volte con grandissimo piacer il suo Enrico V. m’han detto tutti, che andava bene.

Per Fink, temo, sinceramente. la sua paura è incredibile, e dall’altra parte mi pare tanto contento di se. –– vedremo. farò tutto il mio possibile per ajutarlo. Licinio sarà il suo debuto.

In casa mia tutto sta bene. la mia consorte la saluta amichevolmente, ed io sono di tutto cuore
il suo affetss:mo amico
Weber.

Apparat

Zusammenfassung

Weber berichtet detailliert von der Situation in Dresden und der Möglichkeit, Morlacchis Italienaufenthalt zu verlängern; durch den Ausfall Schuberts etc. sei das Musikleben allein von ihm abhängig und Morlacchis Rückkehr dringend erforderlich; jedoch wolle Gänsbacher jetzt zu seiner Entlastung kommen, so daß Morlacchi doch seinen Urlaub bekäme;

Incipit

Ho veramente d'implorare la sua bonta ed amicizia

Generalvermerk

Verantwortlichkeiten

Übertragung
Eveline Bartlitz, Joachim Veit

Überlieferung

Textzeuge

Perugia (I), Biblioteca Comunale Augusta (I-PEc)
Signatur: Ms 3059, n. 80

Quellenbeschreibung

  • 1 DBl.? (3 b.S. einschl. Adr.)
  • Siegelrest
  • Poststempel: a) "DRESDEN 23. Jan. 24"; b) "VENEZIA 2. FEB."
Weitere Textquellen
  • Rossi Scotti, G.B.: "Due Lettere Inedite del Barone Carlo Maria di Weber al Cav. Francesco Morlacchi", in: Gazetta musicale di Milano, No. 31 (1876), S. 260–261;
  • "Deux Lettres de Ch.-M. de Weber", in: Le Ménestrel 49 (1883), No. 32, S. 252 (französische Übersetzung); / Sabatini, Renato: Francesco Morlacchi, Perugia 1977, S. 119–121 mit Faks.;

Textkonstitution

  • "che": "que" überschrieben.
  • "mio,": Hinzufügung.
  • "i": Unsichere Lesung.
  • "dio": überschrieben.

Einzelstellenerläuterung

  • "affetss:mo": Abk. von "affezionatissimo"

XML

Wenn Ihnen auf dieser Seite ein Fehler oder eine Ungenauigkeit aufgefallen ist,
so bitten wir um eine kurze Nachricht an bugs [@] weber-gesamtausgabe.de.